16 settimane di gravidanza: sintomi e novità importanti

Il traguardo delle 16 settimane di gravidanza si caratterizza essenzialmente per una marcata produzione di ormoni da parte della donna che inizia a percepire i primi movimenti del piccolo, avvertiti come delle vibrazioni allo stomaco, di fatto tra la sedicesima e la ventesima settimana le donne incinte iniziano a percepire i leggeri movimenti del piccolo. Allo stesso modo le gestanti possono venir colpite da delle fitte dovute all’aumento di grandezza dell’utero, l’incremento di peso si traduce anche con la manifestazione di episodi di mal di schiena e pesantezza. 

Leggi anche tutti gli articoli sulla gravidanza di Tuttodonna.net

A causa dell’influenza degli ormoni femminili che incrementano durante la gravidanza sul volto potrebbe apparire un aspetto lucido accompagnato talvolta a dei brufoli; le variazioni ormonali possono poi causare epistassi, in quanto i capillari risultano più fragili. Tra gli altri cambiamenti evidenti dal punto di vista fisico il seno diventa più gonfio in quanto le ghiandole mammarie si preparano a produrre latte e le vene del seno diventano più visibili perché in circolo c’è una maggiore concentrazione di sangue. Possono poi comparire le prime smagliature sulla zona del seno e dell’ombelico come conseguenza della pelle che inizia a distendersi per il peso che si acquisisce: l’utero si trova sotto l’ombelico e l’incremento di peso dovrebbe essere di circa 2-4 Kg.
Cambiamenti dopo 16 settimane di gravidanza

16 settimane: come procede la gravidanza?

Per quanto riguarda lo sviluppo del bambino, attorno alle sedici settimane di gravidanza gli organi dopo essersi sviluppati si trovano nella loro sede  naturale, tra cui i genitali; la testa ha assunto una postura eretta e le gambe sono ormai sviluppate per accompagnare movimenti coordinati e più energici. In questo periodo il piccolo può stringere la mani, dare calci, succhia, ingoia, ha il singhiozzo, batte le ciglia, reagisce agli stimoli visivi, espira inalando ed esalando il liquido amniotico. A questo punto il bimbo ha un peso di circa 70-100 grammi ed è lungo circa 10-15 centimetri, tenendo conto della distanza che intercorre dalla testa alla fine della schiena. Il bambino ha ormai le unghie formate e sviluppa del grasso sotto la pelle che funge da protezione isolante, il sistema urinario e quello circolatorio hanno raggiunto un buon funzionamento: il piccolo svuota la vescica ogni 40-45 minuti ed è in grado di pompare circa 25 litri di sangue al giorno. Attorno a questa settimana sono raccomandati alcuni esami di routine per identificare eventuali anomalie come la sindrome di Down o la spina bifida, per cui viene eseguito il test AFP che si esegue con un prelievo del sangue; un altro un esame prenatale che viene eseguito in questa fase è l’amniocentesi, che si raccomanda alle donne con più di 35 anni, e che hanno avuto delle problematiche durante le precedenti gravidanze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *