Dermatite atopica neonati: di cosa si tratta?

Nei neonati la dermatite atopica è una dermatosi che si presenta attraverso pelle secca, arrossamento e forte prurito.
La dermatite atopica si distingue in acuta e cronica, in base a come si presenta: la prima è tipica dei primi mesi di vita e si presenta attraverso chiazze rosse, piccole vesciche e gonfiore locale; la seconda  invece provoca pelle spessa e lesioni provocate dal continuo grattarsi del piccolo. La zona più colpita nell’ultimo caso è quella delle mani.
I pediatri italiani sono molto preoccupati a riguardo, poiché è stata diagnostica a circa il 15% dei bambini abitanti la nostra penisola e, forse legata all’inquinamento, nei paesi industrializzati la presenza di tale patologia è infatti triplicata negli ultimi 30 anni, diventando un importante problema di salute pubblica.

 mani piedi

Dermatite atopica neonati: cause.

Non vi sono ancora cause certe per l’insorgere di questo disturbo; ciò nonostante sono sorte diverse ipotesi:

  • Parto cesareo: sembra che questo tipo di parto possa provocare lo sviluppo di dermatite atopica nel bambino perchè il neonato nato con parto cesareo non riesce a “prendere” la flora cutanea della madre.
  • Aumento elevato dell’igiene e dell’utilizzo di saponi detergenti.
  • Farmaci e inquinamento.
  • Infezioni minori, che portano il sistema immunitario ad attivarsi nei confronti degli allergeni.
Dermatite atopica neonati: rimedi e consigli.
Il bambino a cui è stata diagnostica la dermatite atopica deve effettuare periodici controlli medici dal proprio pediatra, oltre che da dermatologi o allergologi.
Per alleviare la sofferenza del piccolo è comunque possibile mettere in pratica alcuni accorgimenti nella vita di tutti i giorni: evitare di appesantire e coprire troppo il neonato poiché la sudorazione favorisce il prurito, evitare tessuti sintetici e lana che spesso provocano prurito, non riscaldare troppo la camera del bambino e arieggiare in ogni stagione la stanza.
Può favorire la degenza e il ritorno alla normalità: allontanare gli animali domestici dal piccolo, tagliare bene le unghie del bambino per evitare lesioni della pelle e durante il bagnetto far si che la temperatura dell’acqua sia fra i 32° e i 34° infatti come è certo l’acqua troppo calda secca la pelle.
Oltre a tutto questo applicare quotidianamente un emolliente, affinchè ammorbidisca la pelle, idrati e protegga. Se siete indecisi sulla marca chiedete al vostro pediatra lui saprà consigliarvi le più idonee.

In ultimo tanta pazienza perchè la dermatite atopica dei neonati si sconfigge principalmente con il tempo e la cura maniacale dei nostri piccoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *