Tabella crescita neonato: curve della crescita a cui far riferimento

Le tabelle della crescita sono elaborate dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) e servono ad analizzare la crescita del neonato, cioè a controllare se lo sviluppo sta avvenendo in maniera sana e adeguata. Le curve della crescita nascono dallo studio di un certo numero di bambini utilizzati come campione; in particolar modo queste curve ci dicono come un bambino dovrebbe crescere fino ai 5 anni, se esposto ad un ambiente sicuro e se viene alimentato adeguatamente.

Leggi anche gli articoli della sezione bambini di Tutto Donna

Attraverso queste curve potrete dunque misurare il vostro bambino sia in lunghezza sia per quanto riguarda il peso, e confrontare poi tali dati con quelli contenuti nella tabella. Tali misurazioni vengono fatte periodicamente anche da ogni pediatra, che controlla il suo piccolo paziente per vedere come sta andando il suo sviluppo.

Info sulla tabella di crescita per il neonato

Come nascono le curve?

Quando avrete misurato il vostro piccolo, semplicemente segnerete un pallino nel punto di congiunzione tra peso e mesi di vita o tra altezza e mesi di vita; in questo modo si andrà a formare una vera e propria curva. Se la curva ha un andamento parallelo rispetto al grafico significa che il bambino sta avendo uno sviluppo sano.  Non siate troppo fiscali e non preoccupatevi se subito qualcosa non torna: ogni bambino ha i suoi tempi, spesso influenzati da altri fattori. Se avete delle preoccupazioni riferitele comunque al vostro pediatra, che rileggerà la tabella e sarà in grado di fornirvi ulteriori spiegazioni.

Tabella crescita neonato: le misure nei primi mesi di vita

La crescita non avviene nello stesso modo in tutti i bambini. Se ad esempio due genitori sono tendenzialmente di bassa statura è molto probabile che il loro bambino sarà più basso di un coetaneo nato da genitori alti.
Tuttavia la fase in cui il processo di sviluppo è più rapido è quella dei primi due anni di vita, dai due anni in poi la crescita inizia ad essere invece a “singhiozzo”.
Per questo motivo un bambino nei primi due anni viene misurato più frequentemente.
Ecco alcuni piccoli consigli da seguire per quanto riguarda le tabelle della crescita previste per il neonato:
  • Fare controlli periodici sia autonomamente sia dal pediatra;
  • Evitare di trasformare il tutto in un’ossessione: non fatevi prendere troppo la mano e non misurate ossessivamente il vostro piccolo per qualche paura irrazionale;
  • Quando pesate il bambino utilizzate delle bilance precise;
  • Non pesate il piccolo con i vestiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *