Aceto per pulire: idee per pulizie in casa con i rimedi della nonna

Tra i rimedi più utilizzati per le pulizie domestiche si suggerisce l’uso di un efficace disinfettante:  dire “aceto per pulire” potrebbe sorprendere ma è proprio così. Optando per quello bianco, che ha un odore meno persistente ed è privo di colore, si può trovare un valido alleato per le faccende di casa. In particolare, l’aceto può essere usato non solo per pulire e disinfettare, ma anche come anticalcare e sgrassatore, per cui grazie al suo ampio spettro d’azione può essere impiegato per svolgere diversi lavori domestici. Tra gli utilizzi più suggeriti, vi è quello di utilizzare una tazza di aceto per eliminare il cattivo odore dello scarico della cucina e del bagno: dopo aver gettato l’aceto e lasciato agire per diversi minuti, si può lavare con acqua fredda.

Se questa è la vostra prima volta su Tutto Donna, nel darvi il benvenuto, vi invitiamo a leggere i nostri articoli dedicati alla casa: troverete consigli utili per gestire i lavori all’interno delle mura domestiche.

Leggi anche: Come pulire la lavatrice: si può usare l’aceto?

Aceto per pulire: un amico in più per le pulizie in cucina

Come usare aceto per pulire
Per eliminare odori molesti e lo sporco, si può preparare una soluzione con acqua calda ed aceto e, con un panno, utilizzare il preparato per pulire l’interno del frigorifero, il microonde, il lavello ed i fornelli della cucina.  L’aceto può essere utilizzato per sgrassare le pentole incrostate, così dopo aver fatto agire per circa 20-30 minuti si può passare al consueto lavaggio con acqua calda e sapone per piatti; allo stesso modo può essere utilizzato come un anticalcare naturale per pulire contenitori alimentari, pentole, stoviglie, posate e qualsiasi cosa che necessita di essere pulita dal calcare; basterà lasciare immergersi gli oggetti nell’aceto con acqua e bicarbonato per almeno un’ora e poi risciacquare con abbondante acqua. Per l’igiene in cucina, si può adoperare l’aceto per disinfettare i piani di lavoro, i tavoli, i taglieri, le spugne e gli strofinacci.

Altre idee per pulire con l’aceto

Tra i rimedi della nonna, vi è anche l’uso dell’aceto per pulire i vetri delle finestre: anche in questo caso si consiglia di diluire l’aceto con dell’acqua calda, in questo modo si possono ottenere delle superfici pulite, disinfettate e senza aloni.  Inoltre, l’aceto è utile anche per la pulizia degli specchi, così si ripristina la loro lucentezza, anche in questo caso è meglio preparare una soluzione con acqua per ridurre l’acidità. Anche i pavimenti possono essere lavati spruzzando una soluzione composta da acqua, da aceto e dall’aggiunta di qualche goccia di detersivo specifico per pavimenti per coprire l’odore. Per la rimozione di macchie può essere utilizzato l’aceto, un rimedio utile da mettere in pratica se si ha la necessità di smacchiare tappeti, divani, moquette, si suggerisce di preparare una miscela a base di aceto combinato con il sale grosso o con il bicarbonato e munirsi di una spugnetta o di uno spazzolino per strofinare la superficie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *