Come pulire il pc dalla polvere: consigli pratici per una pulizia ottimale del computer

Polvere, briciole e lanugine depositatesi sul monitor e sulla tastiera del computer possono causare alcuni danneggiamenti relativi allo stesso funzionamento del dispositivo, determinandone tra l’altro il surriscaldamento. E’ fondamentale, quindi, valutare come pulire il pc senza rischiare di rovinarlo. 

Per una pulizia regolare del proprio pc è opportuno rimuovere regolarmente la polvere almeno una volta al mese, in quanto tende a depositarsi sullo schermo e sulla tastiera molto velocemente. Inoltre, la polvere e la lanugine a lungo andare possono ostruire le ventole di raffreddamento causando un surriscaldamento del sistema. 

Leggi anche i consigli sulla casa della sezione dedicata alle mura domestiche di Tutto Donna


Come pulire il pc dalla polvere? I consigli di Tutto Donna

Dopo aver spento il computer si può partire con una manutenzione ordinaria: il primo consiglio è quello di incominciare con la tastiera, così dopo averla scollegata, si può girarla e scuoterla in maniera oculata per far cadere il grosso della sporcizia  e poi procedere con la rimozione  dello sporco con un panno in microfibra che cattura la polvere. Nel caso in cui lo sporco è più ostico, si può usare una bomboletta ad aria compressa da direzionare tra i tasti per rimuovere il resto della sporcizia e successivamente rimuovere lo sporco superficiale passando intorno ai tasti un bastoncino cotonato imbevuto di alcol denaturato, nel caso di tastiere dei portatili è necessario avere una maggiore accortezza nel dosare i movimenti.
Pulire il pc dalla polvere, consigli pratici per la pulizia


Oltre a rimuovere lo sporco dalla tastiera, anche il mouse tende a sporcarsi facilmente, per cui per la sua manutenzione si deve dapprima staccarlo e poi pulirne la superficie con un panno in microfibra che cattura la polvere. Per procedere, poi, alla corretta operazione indicata su come pulire il pc si deve soffermarsi anche sulla pulizia del monitor: in questo caso se si dispone di un dispositivo dotato di un display a cristalli liquidi (LCD) si deve utilizzare un panno in fibra leggermente bagnato e poi passarlo sul monitor spento. Si sconsiglia, invece, l’uso diretto di sostanze liquide sullo schermo: si possono, comunque, utilizzare gli appositi prodotti che presentano una formulazione specifica per tale forma di manutenzione oppure i comuni prodotti per la pulizia dei vetri. Tutti questi prodotti possono essere adoperati in dosi oculate senza però applicarli sul monitor ma spruzzandoli su un panno molto morbido, mentre si sconsiglia di usare la carta assorbente in quanto potrebbe causare graffi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *