Brodo vegetale per neonati: consigli ed ingredienti

Usando delle verdure fresche e di stagione, meglio se di coltivazione biologica, è possibile preparare un buon brodo vegetale per neonati per avviarli così verso lo svezzamento in maniera sana e bilanciata. Seguendo le indicazioni raccomandate dal proprio pediatra è possibile preparare un brodo leggero e nutriente a partire da solo 2 o 3 verdure di base come la carota, la zucchina e la patata oppure il sedano. Queste verdure vanno privilegiate rispetto alle altre in quanto di solito non scatenano allergie ed inoltre hanno un sapore ben accetto ai piccoli.

Seguendo la tabella di marcia del pediatra le altre verdure possono essere aggiunte di volta in volta senza avere troppa fretta, in modo da far abituare il bambino al nuovo sapore e capire i suoi gusti. In genere, si consiglia di aggiungere gradualmente al brodo vegetale fagiolini, piselli, spinaci, bietole, carciofi, zucca, cipolla, finocchio, lattuga. Inoltre si suggerisce di procedere con l’inserimento di una nuova verdura alla settimana, così da favorire l’individuazione delle verdure non tollerate. Quando si prepara la pappa per i neonati che sono pronti per lo svezzamento bisogna ricordare di non usare il sale in quanto tenderebbe a sovraccaricare i reni dei bimbi, oltre a determinare casi di ipertensione.

Brodo vegetale per neonati: il primo passo allo svezzamento

vegetali e carneSecondo le indicazioni di massima, ci sono due modi per preparare il brodo vegetale per neonati: si possono lasciar bollire le verdure per circa un’ora,  fin quando l’acqua non si è ridotta della metà, in alternativa per ridurre i tempi di preparazione si può adoperare la pentola a pressione, basteranno in questo caso solo 20 minuti di cottura. Nella prima fase dello svezzamento si procede con l’introduzione del brodo vegetale, della crema di riso, della crema di mais e tapioca, si possono poi preparare delle passate di frutta grattugiata a base di banana, pera e mela. Dopo qualche tempo di solito si introduce il semolino, la pastina e la pappa di legumi come fagiolini, lenticchie, soia, ceci, fave,  piselli.

Durante la crescita, i bambini devono assumere principi nutritivi di diversa provenienza, per cui nel proseguo del suo sviluppo fisico e cognitivo si può passare dalla preparazione delbrodo vegetale a quello di carne usando la carne triturata in maniera sottile, sostituendo così i prodotti liofilizzati e gli omogeneizzati, anche in questo caso è necessario seguire le indicazioni del pediatra e verificare le reazioni del bimbo.

Vai già via? Leggi anche i nostri consigli riguardo la casa, i bambini e la gravidanza… Troverai molti spunti validi per la tua quotidianità di donna e di mamma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *