Dolori ciclo: cosa prendere?

In età fertile, non poche donne lamentano ogni mese i dolori del ciclo: dei sintomi fastidiosi ma passeggeri che delineano la condizione di dismenorrea. Si tratta di un appuntamento fisso per molte donne che a ridosso delle mestruazioni e durante i primi giorni del ciclo mestruale risentono di dolori molto forti a livello pelvico percepiti come crampi o fitte, di più o meno severa intensità, da ascrivere alla produzione di prostaglandine. Cosa prendere per soffrire di meno? Quando i crampi diventano troppo fastidiosi tali da impedire il regolare svolgimento delle attività quotidiane, il medico può prescrivere dei farmaci antidolorifici, sebbene l’assunzione tali farmaci determina solo un’acquiescenza dei sintomi che è temporanea. Molti di questi farmaci si possono acquistare tranquillamente in farmacia essendo farmaci da banco. Se la somministrazione di antidolorifici non risolve il dolore associato alla dismenorrea la dismenorrea, il medico può optare per la prescrizione di una pillola anticoncezionale a base di estroprogestinici orali che provoca una sorta di “ciclo artificiale” con conseguente assenza di disturbi connessi alla mestruazione. Si può, inoltre, raccomandare l’assunzione di alcuni integratori a base di magnesio, vitamina B1, inositolo, ferro.
Cosa prendere per i dolori del ciclo

Dolori ciclo: fitoterapia per ridurre la sofferenza

Per placare i dolori mestruali si può comunque fare appello alla fitoterapia: vengono infatti suggerite diverse erbe naturali che la tradizione popolare consiglia di impiegare quando si avvertono i primi disturbi del ciclo mestruale e placare dunque il dolore. La fitoterapia propone in caso di dolori del ciclo diverse sostanze curative che permettono di dare sollievo alla sintomatologia che accompagna l’arrivo del flusso mestruale e che si manifesta non solo con la percezione di crampi nella zona pelvica ma anche dolore a livello della regione lombo-sacrale e degli arti inferiori. Tra i rimedi naturali più indicati per migliorare i dolori mestruali si suggeriscono i migliori rimedi della nonnna come la camomilla da assumere come tisana per la sua azione calmante aggiunta a qualche foglia di alloro. Per le proprietà antinfiammatorie si può anche assumere un infuso a base di Achillea millefolium a cui si deve attribuire una valida azione spasmolitica agendo direttamente sulla muscolatura liscia dell’utero. Un altro rimedio utile è rappresentato dalla Melissa officinalis dall’effetto antispasmodico a cui si associa poi una benefica azione sedativa, per cui è un utile rimedio in caso  di dismenorrea; per dare sollievo ai dolori mestruali si consiglia di preparare una tisana a base di Salvia officinalis che placa i dolori mestruali. In caso di dolori mestruali acuti si possono adoperare alcuni oli essenziali come quello di calendula, di lavanda, di maggiorana, di geranio: questi oli essenziali possono essere adoperati per praticare dei massaggi circolari e delicati da eseguire nella zona addominale e su altre parti del corpo quali piedi e gambe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *