Scarpe da trekking migliori: come scegliere quelle giuste

Il trekking è una attività motoria, ormai sempre più diffusa, attraverso cui i partecipanti, decidono di intraprendere dei cammini lungo strade e sentieri che solitamente attraversano bellezze inesplorate, natura selvaggia e paesaggi di diverso tipo. La scelta delle migliori scarpe da trekking è quindi una necessità per gli amanti di questa magnifica attività. Sempre più spesso l’escursionismo è una pratica che si sviluppa nei territori montani, e che si lega ad altre attività naturali come il birdwatching, l’osservazione di vari fenomeni naturali e lo studio di specie botaniche.
Affinché non si verifichino problemi e disagi, colui che decide di praticare trekking deve necessariamente preventivare una serie di azioni e di elementi, tra quest’ultimi vi è senz’altro l’abbigliamento e in particolare le calzature. La superficie del territorio montano, infatti, è ricco di insidie: zone scoscese, massi, terriccio, ruscelli. Per questo c’è bisogno di avere un buon appoggio del piede ed evitare sussulti per la schiena.
Le camminate possono durare diverse ore, di conseguenza se l’escursionista ha ai piedi delle scarpe di scarsa qualità, vi è il rischio della formazione di vesciche, di tagli o di distorsioni. Proprio a causa dei molti tipi di percorsi, le tipologie di scarpe da poter indossare sono tante e varie. Vediamo, dunque, insieme quali sono le caratteristiche generali che ogni scarpa per escursioni dovrebbe possedere. Con l’articolo di oggi, analizzeremo i particolari materiali che possono rientrare nella composizione di queste calzature, i lacci che sembrano poco importanti ma sono fondamentali, la soletta e la struttura generale.
Qui di seguito abbiamo dunque scomposto la scarpa da trekking in ogni sua parte, e analizzato e evidenziato in che modo queste sue parti devono essere.
  • Tomaia: è la parte superiore della scarpa, quella che ha lo scopo di proteggere e supportare il piede. La sua struttura è fondamentale, poiché se troppo stretta rischia di provocare dolore, se troppo larga rischia invece di lasciare troppa libertà di movimento al piede, e questo potrebbe a sua volta provocare la formazione di vesciche, bolle o ancor peggio distorsioni. Solitamente è utile acquistare calzature con tomaia impermeabile, così da avere i piedi al sicuro anche in caso di pioggia, in ambienti con forte umidità o quando è necessario attraversare un piccolo corso d’acqua;
  • Suola: questa è un’altra parte fondamentale in qualsiasi scarpa, a maggior ragione però nelle scarpe destinate a lunghe camminate deve possedere determinate qualità: essa deve essere dura e antiscivolo. Solitamente le migliori sono quelle in gomma che fanno una presa costante sul suolo e non si consumano rapidamente. Le scarpe con suola vecchia perdono la loro capacità antiscivolo.
  • Stringhe: in molti pensano che le stringhe siano la parte meno importante di una scarpa, ma questa è una vera e propria inesattezza. I lacci servono a tenere le scarpe chiuse e quindi a mantenere in posizione il piede e ad evitare che terra o sassi entrino all’interno della calzatura. Se si ha intenzione di percorrere lunghi chilometri è allora opportuno portare con sé un paio di stringhe di emergenza;
  • Linguetta: anche questa parte protegge l’abitacolo dall’introduzione di sassi, terra, ghiaia e quant’altro. Per proteggere al meglio la scarpa è necessario tirare la linguetta completamente verso l’alto prima di allacciare i lacci;
  • Soletta: è la zona interna della calzatura, quella in cui si appoggia il piede. Nel caso delle scarpe da trekking è fondamentale che questa parte sia anatomica e fissa, così che nulla possa spostarsi durante il cammino;
  • Imbottitura e fodera: eccoci arriva alla parte della scarpe che protegge e rende il piede ancor più comodo all’interno della calzatura stessa. È davvero utile scegliere scarpe con un’imbottitura in schiuma, piuttosto che una in gommapiuma, molto meno resistente. L’attenzione verso questo elemento fondamentale del trekking non dove essere mai scarsa, poiché come a molti è capitato, non è per niente piacevole trovarsi nel bel mezzo di un bosco con i piedi fradici o con forti dolori provocati da bolle e vesciche. La prima regola per divertirsi durante l’escursionismo è avere un fisico curato e sano.

Clicca qui per confrontare i prezzi delle migliori Scarpe da trekking!

Altro consiglio generale a cui far affidamento è quello di non comprare mai scarpe da trekking da uomo se si è donne e viceversa. Le calzature potrebbero infatti apparire a primo impatto simili, si potrebbero non notare le differenze, ma in realtà queste ci sono eccome: anche a parità di numero la scarpa da uomo sarà sempre più larga, così come sarà sempre più larga la zona che circonda la caviglia, fondamentale per la protezione del piede. Non sottovalutate l’importanza dei calzini, essi devono essere traspiranti, di puro cotone ed essere un pò più alti della caviglia onde evitare la formazione di vesciche nel retro tallone. Altra cosa a cui badare è la scelta della “stagionalità” della scarpa, esistono infatti scarpe primaverili e invernali. 

Scarpe trekking: i migliori modelli in circolazione

Come potrete ben notare, entrando in un negozio di scarpe i modelli per il trekking sono davvero tantissimi. Così tanti che diventa difficile capire le differenze e le loro qualità. Oggi vi aiuteremo però in tutto questo, consigliandovi le migliori scarpe da escursione in circolazione.
Tra le marche più apprezzate troviamo Salewa e in particolare troviamo il modello Salewa MS Rapace GTX, costituito esternamente da nabuk e internamente da una fodera in tessuto. Le suole sono completamente impermeabili e in gomma, mentre i lacci permettono una chiusura sicura ed energica, così come una fasciatura perfetta. Il tacco è piatto e alto 3 cm. Queste scarpe sono in grado di garantire comodità e protezione ma anche bellezza, poiché a differenza di molti altri modelli esse sono abbastanza colorate e particolari dal punto di vista estetico.
Altra scarpa Salewa, che ha ottenuto grande successo, è la Salewa MS Rapace GTX: delle fantastiche scarpe basse da trekking, per niente ingombranti. Esse si adattano a qualsiasi tipo di passeggiata e questo soprattutto grazie alle loro caratteristiche: il materiale che ricopre la scarpa esternamente è sintetico, la fodera è invece in tessuto gorotex (impermeabile e traspirante) e il è tacco piatto. Anche in questo caso non si rinuncia ad un ottimo impatto estetico.
Come scegliere le migliori scarpe da trekking

Se invece desiderate spostarvi da questa marca e provare altri modelli, allora vi consigliamo assolutamente la Tecnica Makalu III GTX MS, in completo stile mimetico. Esse si distinguono abbastanza da quelle viste precedentemente. Innanzitutto, l’esterno è completamente in pelle mentre la fodera è in materiale sintetico. Le suole sono in gomma e quindi impermeabili e resistenti, il sistema di allacciatura è ottimo e non permette l’introduzione di corpi estranei. Essendo un modello alto, esse permettono anche una buona stabilità della caviglia e quindi una diminuzione del rischio di distorsioni.

Concentriamoci anche su un’altra marca che gli amanti delle passeggiate in montagna sicuramente conosceranno: la Timberland. In particolar modo ci soffermiamo sul modello Rime Rdge EK MID WP 2402 E, uno dei più classici scarponcini ma anche uno dei più apprezzati. Il materiale che compone l’esterno di questa scarpe è nabuk, la fodera è invece installata a rete. La suola è anche in questo caso in gomma e il tacco, piatto, è alto circa 2 cm. Il costo è piuttosto elevato, come tutto ciò che riguarda questa nota marca.
Infine, ultimo modello da noi analizzato è la Columbia North Plains Waterproof, altra scarpa da trekking bassa e poco ingombrante, adatta a tutte le camminate poco impegnative. Sia il materiale che ricopre la parte esterna sia il materiale che ricopre quella interna è sintetico. La suola è invece in EVA mentre le stringhe avvolgono i passanti e consentono una forte presa del piede. È adatta ai meno esperti ma anche a coloro che vogliono camminare per poche ore alla volta.
Oltre a concentrarvi sulla scarpa perfetta per voi, non dimenticate di scegliere anche delle ottime calze da trekking, che sono differenti dalle solite che si utilizzano quotidianamente. Anche per questo acquisto vi consigliamo di rivolgervi ad un negozio sportivo.

Leggi anche: Migliori scarpe trail running: come scegliere? e Migliori scarpe per camminare: guida completa

Scarpe trekking: quali modelli utilizzare durante la stagione estiva?

La maggior parte delle persone preferisce iniziare delle avventurose escursioni durante il periodo estivo, godendosi il clima caldo o mite a seconda della zona. Durante questa stagione è sconsigliato l’utilizzo di scarponi alti e ingombranti, poiché porterebbe il piede a sudare troppo. Cosa indossare allora?
  • Scarpe da trekking medio-alte: per chi ha bisogno che il piede sia ben fasciato e sostenuto queste sono la soluzione ideale. Superando di poco il malleolo, queste scarpe forniscono protezione ma al tempo stesso non costringono il piede dentro un abitacolo troppo caloroso. 
  • Scarpe da trekking basse: queste calzature non proteggono invece il piede da eventuali distorsioni, per tale motivo è sconsigliato il loro utilizzo in sentieri accidentati. Meglio indossarle per un’escursione poco impegnativa. 
  • Scarpe da trekking alte: sono quelle utilizzate per la maggiore durante il periodo invernale e invece abbastanza accantonate durante il periodo estivo. Il loro utilizzo è però spassionatamente consigliato anche in estate nel caso in cui il trekking programmato sia molto impegnativo. D’altronde basterà sceglierne un paio con tessuti completamente traspiranti. Le fodere in Gore-Tex sono dunque sconsigliate.
Ricordate di scegliere per i periodi più caldi delle scarpe dal peso leggero. Ogni volta che dovrete uscire per fare trekking, a prescindere dalla stagione vi consigliamo di verificare i seguenti elementi: durata prevista dell’uscita, quota che si intende raggiungere, condizioni meteo attuali e previste. Con questi elementi potrete pianificare la vostra giornata in maniera direi quasi perfetta.

Scarpe da trekking: dove comprarle per risparmiare

Essendo oramai il trekking un’attività sportiva molto praticata, trovare negozi che vendono questo tipo di capi d’abbigliamento non è più per niente difficoltoso. È difficile però trovare negozi che vendano la merce a dei prezzi ragionevoli, spesso e volentieri fare un escursione diventa quindi proibitivo per il portafoglio.
Fortunatamente il mondo virtuale ci viene incontro anche in questo caso, fornendo siti che offrono quotidianamente i loro prodotti a prezzi promozionali e convenienti.
Quali sono i migliori siti internet per l’abbigliamento da trekking?
    Consigli migliori calzature da trekking

  • Amazon: tutti conoscono il noto e-commerce e ci sono diversi negozi online specializzati nella vendita;
  • Mountain Experience: molto conosciuto nel web e molto apprezzato. Come potrete vedere il sito è diviso per categorie: alpinismo, campeggio, cicloturismo, running,scialpinismo e finalmente il nostro amato trekking. Qui potrete davvero trovare di tutto e di più, tutto ciò di cui necessitate in questo portale esiste: abbigliamento, bastoncini, calzature, caschi, ciaspole, GPS e bussole, sacchiletto, tende, lampade frontali, zaini di tutti i tipi e di tutte le forme, occhiali da sole, torce, eccetera. Si può pagare attraverso tutte le principali carte di credito e carte prepagate.
  • Cisalfa Sport: ecco una delle catene più conosciute che per fortuna vende ora anche attraverso internet. In questo modo chiunque potrà acquistare, anche chi non ha un punto vendita Cisalfa vicino a casa. Per quanto riguarda le scarpe il sito offre un’ampia scelta e anche molte offerte e sconti, a volte si arriva anche al 50% di saldo. Altri oggetti e prodotti utili all’escursionismo potrete trovarli nella sezione “Attrezzatura”.
  • Scarpa.net: e infine eccoci catapultati nel sito dedicato in tutto e per tutte alle calzature. Questo portale rappresenta però un eccezione in quanto non vende online, ma solo attraverso punto vendita; d’altronde abbiamo però trovato questa catena così adatta da essere inserita in questo elenco. Qui troverete un vasto assortimento di calzature e in più alcuni filtri che vi aiuteranno nella ricerca: “Light trekking”, “Trekking impegnativo”, “Hiking”, eccetera. Per ogni scarpa è inoltre indicato il tipo di percorso per cui è adatta. Cosa volere di più?
I punti vendita in Italia si trovano in quasi tutte le regioni, non vi sarà quindi difficile scovare il negozio più vicino.

Riassumendo: tutti i dettagli da curare prima di comprare un paio di scarpe da escursionismo

Siamo arrivati alla conclusione di questa analisi sulle scarpe da escursionismo. E per concludere abbiamo deciso quindi di sintetizzare i punti che ogni persona dovrebbe seguire prima di acquistare un paio di calzature da trekking:
  • Pensare e ripensare allo scopo delle scarpe: vogliamo utilizzarle per quelle due o tre gite da svolgere durante l’anno? Oppure desideriamo usarle con costanza? Pensiamo di metterle ai piedi maggiormente nel periodo estivo o in quello invernale?;
  • Procurarsi un paio di calze da trekking ancor prima di comprare le scarpe, così da provare le calzature con ai piedi già l’indumento giusto;
  • Non arrendersi: trovare il paio di scarpe ideale per sé è già un’impresa difficile, lo diventa ancor di più se queste scarpe ci devono calzare a pennello per praticare un’attività sportiva;
  • Provatele e riprovatele: non indossatele velocemente per comprarle, ma provatele più e più volte. Camminateci dentro anche per un quarto d’ora tra i corridoi del punto vendita se necessario;
  • Non sottovalutare nessuna caratteristica, dalla suola ai lacci, dalla tomaia alla linguetta. Ognuna delle sue componenti sarà fondamentale per rendere confortevole le escursioni.

Clicca qui per confrontare i prezzi delle migliori Scarpe da trekking!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *