Come Farsi Venire il Ciclo: Metodi EFFICACI per far Venire le Mestruazioni

Il ciclo mestruale è un orologio molto meno preciso di quanto potremmo credere. Sì, canonicamente dovrebbe arrivare ogni 28 giorni, ma non tutte vivono il lusso di un ciclo mestruale perfettamente regolare, e per altre invece, in determinate circostanze, questo può presentarsi o in anticipo o in ritardo. Un ciclo che tarda ad arrivare non è necessariamente segno di un concepimento: anche se l’inizio della gravidanza coincide ovviamente con la sospensione del ciclo mestruale, non è infatti questa l’unica causa alla quale possiamo collegare qualche giorno di ritardo. Esistono dunque modi o trucchi per far arrivare il ciclo? Possiamo sollecitarlo in qualche modo? Certo che sì, e troverete i metodi più efficaci nella guida che vi presentiamo oggi.

Integratore Fertilina LoveME Donna: efficace nel regolare il ciclo in 50 mila donne

Fertilina LoveME Donna è un integratore alimentare che aiuta a regolarizzare il ciclo mestruale rendendolo meno doloroso e più puntuale. Contiene al suo interno ingredienti naturali che hanno lo scopo di ottimizzare la maturazione dell’ovulo creando le condizioni per un ciclo preciso e puntuale.

Questo integratore è stato scelto da circa 50 mila donne che l’hanno preferito ai farmaci per i seguenti motivi:

  • non contiene allergeni e conservanti, quindi non causa allergie;
  • 100% naturale: contiene solo principi attivi naturali da piante senza principi attivi di sintesi;
  • contiene un complesso brevettato di Arginina e Vitamina C che servono per regolare i processi fisiologici;
  • è disponibile online senza ricetta medica ordinando da questo sito web autorizzato.

>> Ordina Ora Fertilina: 50% di Sconto e Consegna Gratis! <<

I risultati ottenuti dalle donne che l’hanno assunto sono stati eccezionali perché sono riuscite in 3 mesi a regolarizzare il ciclo mestruale assumendo due capsule al giorno lontano dai pasti principali.

Vantaggi dell’uso di Fertilina

  • regola l’equilibrio ormonale;
  • protegge il DNA degli ovuli dallo stress ossidativo;
  • regola il ciclo mestruale;
  • ricopre i fabbisogni giornalieri di vitamine che sono cruciali per rendere l’ovulazione precisa;
  • non presenta effetti collaterali;
  • non necessita di prescrizione medica;
  • si acquista facilmente dalla nostra pagina e la consegna a domicilio è gratuita e discreta.

>> Ordina Ora Fertilina: 50% di Sconto e Consegna Gratis! <<

Consigli per farsi venire il ciclo: l’importanza degli esercizi addominali

Avete mai provato a fare gli addominali durante il ciclo? È quasi impossibile, perché le sollecitazioni ai muscoli dell’addome si trasmettono anche all’utero, aumentando spesso spasmi e dolore. Si tratta di qualcosa che possiamo però sfruttare a nostro vantaggio: due o tre volte al giorno stendiamoci a terra; pieghiamo le gambe mantenendo però tutta la pianta del piede a contatto con il pavimento e mettiamo le braccia dietro la testa. Avviciniamo il busto alle ginocchia: in questo modo solleciteremo utero e ovaie, che potrebbero dare il via ad un ciclo che è bloccato da qualche giorno!

Consigli per farsi venire il ciclo mestruale

 

La cara vecchia borsa dell’acqua calda

Un altro metodo in grado di aiutare il ciclo ad arrivare è un classico trucco della nonna, ovvero la borsa dell’acqua calda. Se il ciclo mestruale sta ritardando ormai da qualche giorno, riempiamo una borsa d’acqua calda e posizioniamola all’altezza della vescica, ovvero tra pube e parte inferiore dell’addome.

Facciamolo per 10 minuti al mattino, poi 10 minuti dopo pranzo e anche 10 minuti prima di andare a dormire. Si tratta di un trucco che funziona anche quando gli addominali non possono essere stati d’aiuto.

Le bibite calde sono utili a farsi venire il ciclo?

Un altro trucco molto semplice per dare una mano al ciclo in ritardo, è bere tisane calde. Si possono scegliere tisane di ogni tipo, come quelle alla cannella o quelle al finocchio. Favoriscono le contrazioni addominali e dunque anche quelle ovariche e uterine. Spesso semplicemente mettendo a bollire una stecca di cannella e berne il liquido risultante è più che sufficiente per far arrivare un ciclo del quale non si ha traccia.

La camomilla è un’ottima alternativa alle tisane: per un effetto più intenso, aggiungiamoci anche qualche fetta di zenzero. Il ventre ne risulterà disteso e il ciclo in ritardo arriverà con maggiore facilità.

L’aiuto di vitamina C

Tra le cause più comuni per il ritardo del ciclo troviamo anche carenze del gruppo della Vitamina C. Prima di ricorrere però all’uso di integratori, teniamo a mente che possiamo trovare questa preziosissima vitamina per la nostra salute negli agrumi e nelle verdure a foglia verde. In aggiunta ci sono ottime quantità di vitamina C anche nelle carote, nel prezzemolo, nei mirtilli, nei frutti di bosco in generale e anche nella zucca e nelle zucchine.

Consumiamo pasti a base di questi alimenti e il ciclo, a patto che ovviamente non ci sia una gravidanza, non dovrebbe tardare ulteriormente.

La tecnica del pediluvio

Altro metodo interessantissimo, che offre risultati quasi immediati. Riempiamo una bacinella con dell’acqua calda, del rosmarino fresco e anche qualche fetta di limone. Lasciamo i nostri piedi in ammollo per circa mezzora e proviamo a rilassarci, sia a livello fisico che a livello mentale. La circolazione sanguigna ne esce rinvigorita e questo può avere un effetto positivo su utero e ovaie. Il risultato? Il ciclo mestruale in ritardo comparirà come per magia.

Sì, potremmo anche essere incinte

I metodi e i trucchi che abbiamo riportato nel corso di questa guida non possono ovviamente funzionare nel caso in cui sia avvenuto un concepimento.
Nel caso in cui nessuno dei metodi sopracitati dovesse funzionare, sono due le cose da mettere in pratica nel modo più immediato:

  • fare un test di gravidanza, successivamente da confermare con una visita e le analisi dal ginecologo;
  • in caso di risultato negativo al test, contattare il proprio ginecologo e renderlo edotto della situazione: il ritardo mestruale può essere infatti causato da problemi gravi e meno gravi a carico sia dell’apparato riproduttivo femminile, sia di altri organi. Nel caso in cui dovesse ritardare di nuovo, è assolutamente necessario seguire il percorso diagnostico indicato dal proprio specialista e, successivamente, seguire la terapia che da egli stesso sarà indicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *