Sintomi gravidanza primo mese: imparare a conoscerli per capire se si è incinte

Quali sono i primi sintomi di gravidanza che possiamo avere se siamo nel primo mese di gestazione? Molte donne che cercano il concepimento sono attente e vigili a tutti i possibili cambiamenti che possano far pensare che il concepimento è avvenuto e che tra nove mesi un bellissimo bimbo sarà tra le vostre braccia. Conoscere i segnali che il vostro corpo vi manda può essere il primo passo da fare, per questo con questo articolo scopriremo insieme quali possono essere i primi “campanelli di allarme” che vi portano a pensare di essere incinta, ovvero i segnali che caratterizzano il primo mese di gestazione. Questo è un momento sicuramente molto emozionante sia per chi sta cercando una gravidanza sia per chi non l’ha messa in programma. Una delle cose più semplici e scontate da fare se il ciclo tarda ad arrivare è quella di procurarsi un un test di gravidanza in farmacia oppure affidarsi al ginecologo per eseguire un’ecografia. In questo articolo scopriremo come imparare a distinguere le avvisaglie che il nostro corpo ci invia per capire se la dolce attesa è appena iniziata. Prima di leggere, se avete un dubbio, rilassatevi e state serene: agitarsi non serve a nulla, mantenere la calma è fondamentale nonostante l’importanza del momento. 

Leggi anche: Differenze sintomi iniziali da gravidanza e sindrome premestruale, Sintomi precoci da gravidanza: perdite da impianto, cosa sono? Sintomi da gravidanza: primi segni del concepimento, sono incinta? 

Sintomi gravidanza nel primo mese: cosa può succedere?

Qui di seguito trovate un elenco schematico di tutti i possibili sintomi da gravidanza che possono manifestarsi nel primo mese:

    Sintomi da gravidanza primo mese

  • L’assenza del ciclo mestruale (o amenorrea): è il primissimo segnale che ci porta a sospettare una presunta gravidanza in atto, anche se il ritardo talvolta può avvenire a causa di altri fattori (perdita di peso, stress, assunzione temporanea di farmaci, un’infezione urinaria). Se il ciclo mestruale tarda a venire e siete ansiose di sapere il perchè allora munitevi di un test di gravidanza che scioglierà ogni vostro dubbio;
  • Nausea e vomito mattutini (oppure durante l’arco della giornata) è un sintomo che lascia presumere una possibile gravidanza, essendo molto comune nel primo mese a quasi tutte le donne. Questo avviene perchè nei primi mesi di gravidanza gli organi di senso si affinano e percepirete come disgustosi molti cibi e molti odori forti;
  • Urinazione frequente: causata dal feto che inizia a cresce all’interno della cavità uterina creando una maggiore pressione sulla vescica. In questa fase potrete subire facilmente l’attacco di batteri che potranno portarvi una fastidiosa cistite perchè le vie urinarie diventano più sensibili;
  • L’innalzamento della temperatura corporea: potrebbe essere un sintomo dell’avvenuto concepimento nelle prime settimane di gravidanza soprattutto quando questo aumento della temperatura non coincide con il periodo fertile del ciclo mestruale. L’inizio della gravidanza comporta la produzione dell’ormone beta-hCG (gonadotropina corionica umana) con conseguente aumento della temperatura corporea che può manifestare un picco tra la prima e la settima settimana dopo l’ovulazione.

Nel caso in cui sia confermata una gravidanza, tramite appositi esami, è raccomandabile contattare il vostro ginecologo per sottoporvi agli esami del sangue da fare in gravidanza e pianificare le future ecografie
sempre durante il primo mese di limitare sforzi ed eventuali sport violenti per evitare il rischio di aborto spontaneo.

    Raccomandiamo di smettere di fumare non appena sappiamo con certezza di aspettare un bambino, il fumo in gravidanza è dannoso sia per la futura mamma sia per il feto. Smettere di fumare è il più bel gesto d’amore che potete fare al fine di non creare problemi alla salute del bambino. 

    Cosa fare dopo aver scoperto di aspettare un bambino: consigli utili e sane abitudini

    E’ buona norma, non appena scopriamo di essere incinte, quella di correggere l’alimentazione e cercare di evitare tutte le insane abitudini che abbiamo modificando anche lo stile di vita. L’alimentazione dovrà essere equilibrata e sana. Bere molta acqua fa molto bene sia alla mamma sia al bambino: durante la gravidanza i reni possono appesantirsi e l’acqua aiuta a purificarli oltre a favorire tutti i processi biochimici che servono per lo sviluppo della gravidanza. Una corretta idratazione evita possibili problemi nella formazione del liquido amniotico. Evitate un’assunzione eccessiva di caffeina, in quanto essa limita l’assorbimento di molte vitamine e minerali essenziali nelle prima fasi di impianto e sviluppo della gravidanza (vitamina B2, calcio e ferro). Gli alcolici vanno limitati al massimo, la molecola di etanolo è capace di attraversare facilmente la barriera placentare e provocare seri problemi allo sviluppo del feto soprattutto a livello del cervello (sindrome alcolica fetale).

    Attenzione all’utilizzo di farmaci

    Quando si aspetta un bambino è necessario porre ancora più prudenza del solito nell’assunzione di medicinali per le possibili conseguenze negative di alcuni di essi sulla salute del nascituro e della madre: consigliamo, pertanto, di confrontatevi sempre con il vostro medico onde evitare seri rischi alla vostra salute e a quella del bimbo. E’ bene essere sempre previdenti: se siete in dolce attesa, l’attenzione va raddoppiata.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *